Libertà e coercizione: il lavoro in una prospettiva di lungo periodo

A cura di: Giulia Bonazza, Giulio Ongaro

Seleziona formato


ISBN: 978-88-99487-50-8


ISBN: 978-88-99487-47-8

Introduzione di G. Bonazza e G. Ongaro:

Il volume analizza i fattori sociali, culturali, politici, economici, giuridici e tecnologici che influiscono sulla diversificazione delle relazioni di lavoro e dall’altro, utilizzando una prospettiva di lungo periodo, l’obiettivo è di decostruire la visione storiografica che lega la modernità alla transizione da molteplici relazioni di lavoro al lavoro salariato, quale forma esclusiva di lavoro produttivo. La visione tradizionale della working class e il lavoro salariato vanno riconcettualizzati, come suggerisce Christian De Vito nel suo contributo, poiché hanno riguardato solamente una parte dei lavoratori e un determinato contesto geografico: il continente europeo. Dal XIX secolo ai giorni nostri plurime relazioni di dipendenza, servaggio e schiavitù persistono sia nel continente europeo che su scala globale. Ancora il volume ha il merito di far emergere come siano riduttive e vuote le tradizionali divisioni temporali utilizzate dagli storici del lavoro – mondo pre-industriale, rivoluzione industriale, capitalismo, fordismo e post-fordismo – senza porre attenzione al soggetto, “il lavoratore”. Un altro aspetto fondamentale è il rapporto tra libertà giuridica e condizione lavorativa del soggetto. Frequentemente la libertà giuridica non corrisponde a una condizione lavorativa libera del soggetto o a una migliore condizione lavorativa rispetto a un “non libero”, giuridicamente parlando, come lo schiavo.

Pubblicato nel mese di settembre 2018

N. di pagine: 236