Information

Informazioni per pubblicare

La piattaforma di editoria digitale New Digital Press, articolata al suo interno nelle categorie "Collane" e "Studi e Ricerche", offre allo studioso un servizio innovativo all'interno del panorama accademico e scientifico, grazie alla compresenza di:
 

  • Qualità;
  • Libertà;
  • Trasparenza;
  • Risonanza;
  • Equità.

 

LA STRUTTURA DEL TESTO
La struttura dei testi prevede 4 livelli: parte, capitolo, paragrafo, sottoparagrafo.
Le parti e i capitoli sono numerati con cifre romane; i paragrafi e i sottoparagrafi con capitolo di appartenenza e numero progressivo (par. 1.1, 1.2; 2.1, 2.2 ...), i sottoparagrafi con capitolo e paragrafo di appartenenza (par. 1.1.1, 1.1.2 ...).
I titoli dei paragrafi sono sempre in corsivo, seguiti dal punto in tondo. I numeri dei paragrafi sono sempre in tondo, seguiti da punto.

INDICI
Indici di qualsiasi tipo sono a cura dell'autore/curatore. Il lemmario è consegnato contestualmente al testo. Sulla base della seconda bozza, la cui impaginazione è definitiva, l'autore/curatore completerà l'indice con l'inserimento dei numeri di pagina delle varie occorrenze dei termini.

TABELLE
Le tabelle sono realizzate adoperando lo specifico strumento previsto dal programma di videoscrittura utilizzato (righe, colonne e celle). Non saranno accettate le tabelle acquisite come file di immagine. Nel caso si utilizzino programmi specifici quali Excel e saranno consegnate come file a se stante.
Ogni tabella deve avere un titolo e l'indicazione della fonte e deve rispettare le dimensioni della gabbia tipografica.

IMMAGINI
Le immagini saranno consegnate in formato tiff o jpeg con una risoluzione non inferiore ai 300 dpi. Dovranno avere, inoltre una base di almeno 800 pixel, se orientata orizzontalmente e di almeno 1.000 pixel, se orientata verticalmente.

LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA
La citazione bibliografica è effettuata con la regola autore/data che si esplicita con l'inserimento tra parentesi tonde del cognome dell'autore seguito dall'anno e dalla pagina di riferimento come nel seguente esempio: (Benigno 2011, 22). La citazione sarà sciolta nella reference list finale come: Benigno, F. 2011. Favoriti e ribelli Stili della politica barocca. Roma: Bulzoni.
L'utilizzo omogeneo di questo standard di citazione è facilitato dal fatto che nel sistema di video scrittura word è inserita una specifica funzione "citazione e bibliografia" (voce di menu - riferimenti) con la quale si può gestire l'inserimento delle note bibliografiche utilizzando lo stile Harvard. Una specifica funzione genera non solo le singole citazioni ma anche, in automatico, la bibliografia di riferimento alla fine del lavoro. Alcuni esempi chiariscono meglio l'utilizzo della citazione.

OPERE CON UN SOLO AUTORE
La citazione autore/data si esplicita con l'inserimento tra parentesi tonde del cognome dell'autore seguito dall'anno e dalla pagina di riferimento come nel seguente esempio: (Benigno 2011, 22).
La citazione sarà sciolta nella reference list finale come: Autore. Data. Titolo. Edizione. Luogo di pubblicazione: editore. Note.
Benigno, F. 2011. Favoriti e ribelli Stili della politica barocca. Roma: Bulzoni.

OPERE SENZA AUTORE PRINCIPALE, MA CON CURATORE O TRADUTTORE
(Fedalto 1988)
Fedalto, G, a cura di. 1988. Hierarchia Ecclesiastica Orientalis. Series episcoporum ecclesiarum christianarum orientalium. Padova: Edizioni Messaggero.
(Klarsfeld e Revah 2003)
Klarsfeld A, Revah F. 2003. The biology of death: origins of mortality. Brady L, translator. Ithaca (NY): Cornell University Press.

OPERE DEL MEDESIMO AUTORE PUBBLICATE NELLO STESSO ANNO
Nel caso in cui si citino opere di un medesimo autore pubblicate nello stesso anno si individuerà la sequenza inserendo una lettera in tondo.
(Palma 1996a)
Palma, M. 1996a. Bibliografia degli Zibaldoni di Boccaccio (1976-1995). Roma: Viella.
(Palma 1996b)
Palma, M. 1996b. Catalogo dei più antichi manoscritti della Biblioteca Giovardiana di Veroli. Roma: Gruppo Editoriale Internazionale.

OPERE DI DUE AUTORI
In questa variante gli autori sono indicati tutti nella reference list finale mentre nel riferimento si indica i due autori connessi da "e".
(Cadioli e Peresson 2007)
Cadioli, A, Peresson, G. 2007. Le forme del libro. Schede di cultura editoriale. Napoli: Liguori.

OPERE CON PIÙ DI DUE AUTORI
In questa variante gli autori sono indicati tutti nella reference list finale mentre nel riferimento è presente solo il primo autore seguito da "et al.".
(Ferrozzi et al. 2000)
Ferrozzi F, Garlaschi G, Bova D. 2000. CT of metastases. New York (NY): Springer.

CITAZIONE DI UN CAPITOLO O DI UN SAGGIO CONTENUTO IN UN VOLUME
(Amadesi 1987)
Amadasi Guzzo, M G. 1987. Scritture arabe. In Scritture alfabetiche. Roma: Valerio Levi. 107-115.

OPERE ANONIME
(Codice 1850)
Codice metrico per la Sicilia con una appendice dell'architetto Giuseppe Caldara. Palermo: Stamperia della ved. Solli.

OPERE EDITE DA ENTI
(British Standard Institution 1985)
British Standard Institution. 1985. Specification for Abbreviation of the Title Words and Titles of Publication. London: BSI.
(National Information Standards Organization 2001)
National Information Standards Organization. 2001. ANSI/ISO Z.39.79-2001. Environmental Conditions for Exbiting Library and Archival Materials. Bethesda, Maryland: National Information Standards Organization.

ARTICOLI SU RIVISTE
La citazione deve avere la sequenza: Autore(i). Data. Titolo dell'articolo. Testata della rivista. Volume: pagine
(Giuffrida 1972)
Giuffrida A. 1972. Aspetti e problemi del commercio internazionale dei panni in Sicilia dal XIV al XVI secolo. Archivio storico siciliano, III, 21-22: 41-96.

ARTICOLI SU RIVISTE ONLINE
La citazione deve avere la sequenza: Autore (i) dell'articolo. Data di pubblicazione. Titolo dell'articolo. Titolo della rivista. [data dell'accesso al sito]: pagine. URL. Note.
(Bono 2014)
Bono S. 2014. Il Mediterraneo della storia. Mediterranea Ricerche storiche. [Visitato 2014 15/12/2014]: 243-258. http://mediterranearicerchestoriche.it.

ELEMENTI MANCANTI
Gli elementi mancanti nella fonte andranno sempre segnalati con le sigle: s.l. (senza luogo), s.e. (senza editore), s.d. (senza data), s.n.t. (senza note tipografiche). Qualora l'autore fosse a conoscenza di uno o più dati mancanti, li può integrare tra parentesi quadre.


1) Qualità: scientifica, assicurata da comitati scientifici internazionali e da un processo di referaggio doppio-cieco che permetterà la pubblicazione di lavori di alto livello scientifico all'interno della storiografia di riferimento; editoriale, grazie a un lavoro di revisione di un team di esperti sempre aggiornato;

2) Libertà: nella scelta dell'impostazione del testo, che non dovrà sacrificare note, bigliografia, appendici, immagini per esigenze di spazio o di scelta editoriale;

3) Trasparenza: assicurata da un processo di selezione unico e uguale per tutte le collane e per tutti i lavori, a qualsiasi livello;

4) Risonanza: grazie a un'ampia diffusione, assicurata dal mezzo informatico, a tutta la comunità scientifica;

5) Equità: garantita da costi sostenuti, che saranno pari al lavoro profuso con un tot a pagina; nel ritorno degli investimenti, con un tanto a copia venduta. Il rischio d'investimento è quindi suddiviso equamente fra autore ed editore. 

Ogni collana avrà un comitato scientifico internazionale, responsabile del processo di accettazione e referaggio (doppio cieco esterno) dei testi proposti per la pubblicazione.
Le pubblicazioni potranno essere redatte nelle lingue europee originali (italiano, francese, inglese, spagnolo, tedesco).
Ogni testo sarà pubblicato sulla piattaforma Nd Press in formato PDF ed Ebook (formato ePub).
Contestualmente, si prevede la stampa (e la vendita) di copie secondo il principio del Print on Demand.
Le pubblicazioni saranno indicizzate e inserite nei principali database scientifici e citazionali.